18 ottobre 2018

Genius Loci, chi era costui?

Quando io ho frequentato la facoltà di Architettura all'Università di Roma (ormai diversi decenni fa), negli esami di progettazione bisognava rispondere alle richieste di una committenza, più o meno come si fa nel lavoro professionale, e molti professori erano fissati con il Genius Loci, lo "spirito del luogo": una delle condizioni di approvazione di un progetto era proprio quello di tenerne conto e dimostrare come se ne leggevano le tracce nei propri elaborati.

Quello del Genius Loci è un concetto che ci viene tramandato dall'antichità: tutte le grandi civiltà, in qualsiasi luogo del mondo, hanno sempre fatto riferimento ad energie, divinità e quant'altro, con un'attenzione particolare alle caratteristiche dei luoghi dove vivere e lavorare. Possiamo pensare anche alle caratteristiche dei luoghi, alle preesistenze, a tutto ciò che in generale ci ha preceduto nel luogo dove progettiamo.

Oggi che fine ha fatto questo concetto? In un mondo globalizzato, dove invece di scendere le scale di casa per cercare un prodotto nei negozietti vicino si compra online facendolo arrivare dalla parte opposta del mondo, pensare che sia necessario visitare un luogo prima di progettarlo è forse una fissazione di noi architetti di "vecchia generazione". Noi abbiamo qualche difficoltà a partecipare alle gare di progettazione dei siti online, dove devi mandare un progetto senza poter fare un sopralluogo, senza parlare faccia a faccia con il tuo committente, senza "respirare" l'aria e l'atmosfera del luogo, sia esso un appartamento o una piazza.

L'invito quindi è quello di progettare, o invitare a progettare nel caso dei committenti, tenendo conto della "essenza interiore" di un luogo, magari anche solo richiamando, o riutilizzando, o facendovi in qualche modo riferimento, un elemento architettonico originario preesistente, anche rileggendolo in chiave moderna.

Un modo più semplice di agire può essere quello di richiamare una "memoria" del luogo, come in questo esempio dove la parete di ingresso della doccia è stata rivestita con un mosaico creato con le mattonelle originarie di quello stesso ambiente (che prima era una cucina).

wikipedia

28 aprile 2018

Milano e il Fuorisalone (ah già, c'era anche il Salone del mobile...)

Il Salone del mobile di Milano è uno degli appuntamenti importanti a livello internazionale. Uno dei pochi, pochissimi, in Italia. Per noi del settore è sicuramente un evento importante, quasi immancabile, anche se l'informazione nel campo è così capillare, tra newsletter, riviste e portali web, che in realtà di vere novità se ne trovano poche. Comunque bello e a tratti interessante.

Quello che però mi ha colpito in questi tre giorni di maratone, di cui uno solo dedicato al Salone, è tutto il contorno: il Fuorisalone con i suoi eventi e la città di Milano.

Ma andiamo con ordine.

IL SALONE DEL MOBILE

Scrivo solo due righe sul Salone, di cui si trovano pagine e pagine sulle riviste specializzate. Un paio di cose che mi sono piaciute, o meglio che mi hanno colpito più del resto, sono lo stand della Vener (http://venerlab.it/), azienda che non conoscevo e che realizza arredi particolari, divertenti e fuori dai canoni (nella foto un tavolo fatto con una grossa elica), quasi uno stand che ti saresti aspettato al Fuorisalone...



23 febbraio 2018

Quali sono le differenze tra Direzione dei lavori e Direzione di cantiere

Spesso, in campo privato, non è chiara la differenza tra la Direzione dei Lavori e la Direzione di Cantiere, tanto che a volte si creano incomprensioni anche tra il Committente, che si aspetta alcune prestazioni dal professionista, e il Direttore dei Lavori, che invece si attiene strettamente al suo incarico.


cantiere "biohouse"

20 gennaio 2018

Antonio Aurigemma a Roma vince il Best of Houzz 2018


comunicato stampa

Oltre 40 milioni di utenti al mese hanno nominato i migliori professionisti dedicati alla casa in Italia e in tutto il mondo

Roma, 20 gennaio 2018 – Antonio Aurigemma di Roma ha ricevuto il riconoscimento per “Best of Houzz Design” su Houzz®, la piattaforma online leader mondiale nell’arredamento, progettazione e ristrutturazione d’interni e d’esterni.

Lo studio didoarch di Antonio Aurigemmacon 30 anni di esperienza nel campo del design d’interni, è stato scelto dagli oltre 40 milioni di utenti unici mensili facenti parte della Community di Houzz, tra più di un milione e mezzo di professionisti della casa - come architetti, designer e imprese edili.

28 ottobre 2017

La grande bruttezza (Ah, se Bruno Zevi fosse ancora qui...)

Bruno Zevi, grandissimo storico e critico dell'architettura, faro illuminante della nostra generazione di architetti (ne ho parlato in due post: qui e qui), nemico del postmoderno, degli angoli retti e del tecnigrafo, amante invece delle avanguardie architettoniche legate ai progetti dei primi decostruttivisti (da Libeskind a Zaha Hadid), ne avrebbe dette e scritte di tutti i colori su alcune brutture dell'architettura contemporanea.

Mi riferisco in particolare al Crescent di Salerno, edificio e piazza fortemente voluti dal sindaco Vincenzo De Luca che a partire dagli anni '90 in verità, a parte questa drammatica caduta di stile, ha ridato vita ad una città bellissima. Il progetto è di Ricardo Bofill, uno dei maggiori rappresentanti del Postmoderno, corrente stilistica abominevole che il grande Zevi ha fortemente osteggiato, il quale però quando abbandona quelle malsane idee realizza anche progetti più interessanti. Entrambi, De Luca e Bofill, qui hanno dato il peggio: un'architettura, in una posizione tra le più importanti e in vista della città (dove quindi non si poteva e non si doveva sbagliare), che sembra teletrasportata nel tempo direttamente dalle città inglesi di 3 secoli fa (vedi l'incredibile somiglianza con il Royal Crescent di Bath della seconda metà del '700...).

18 gennaio 2017

Comunicato stampa: Antonio Aurigemma a Roma vince il Best of Houzz 2017

Antonio Aurigemma a Roma vince il Best of Houzz 2017

Oltre 40 milioni di utenti al mese hanno nominato i migliori professionisti dedicati alla casa in Italia e in tutto il mondo

Roma, 18 gennaio, 2017 – Antonio Aurigemma (studio didoarch) di Roma ha ricevuto il riconoscimento per “Best of Houzz” su Houzz®, la piattaforma online leader mondiale nell'arredamento, progettazione e ristrutturazione d’interni e d’esterni. L'architetto Antonio Aurigemma è stato scelto dagli oltre 40 milioni di utenti unici mensili facenti parte della Community di Houzz, tra più di un milione di professionisti come architetti, designer e imprese edili attivi sulla piattaforma.